• LuckyLikeLake

Oldofredi, Federici, Martinengo...le famiglie che hanno fatto la storia nel '400 in Franciacorta

In uscita il romanzo storico di Alberto Fossadri che narra delle congiure fra grandi famiglie rivali in epoca medievale

“Congiure in Franciacorta” è il suo primo romanzo, Alberto Fossadri, geometra ma con una grande passione per la storia che coltiva fin da bambino, non nasconde l'emozione: "Ho scritto quest’opera con l’intenzione di rivolgermi ad un pubblico bresciano. Sarebbe difficile per un “forestiero” riuscire ad ambientarsi in questo groviglio di località a noi tanto familiari, tuttavia è nel coinvolgimento di tutte le nostre comunità, piccole o grandi, che si riesce a trasmettere meglio il senso di discendere da una storia che è propriamente nostra e che, nel bene o nel male, ha coinvolto i nostri antenati. A chi non fa piacere sapere che il proprio paesello è stato teatro di eventi tanto importanti?" Fondamentale è stata la frequentazione del corso di ricerca storica tenuto a Rovato da Don Gianni Donni, presidente di Brixia Sacra e autore di numerosi saggi storici su Brescia. Grazie agli insegnamenti di don Gianni e di altri collaboratori, nonché grazie alle continue condivisioni di esperienze con altri ricercatori (sia accademici che appassionati), ha appreso i rudimenti per la ricerca attraverso fonti archivistiche e bibliografiche, alcune competenze paleografiche e una buona conoscenza delle strutture istituzionali bresciane nel corso della storia (in particolare in epoca veneta).



Congiure in Franciacorta è ambientato nella Brescia Malatestiana a partire dal 1407, e prosegue nelle vicende che hanno sconvolto la Lombardia orientale fino all’arrivo della Serenissima.


A differenza dei soliti racconti medievali basati su figure inventate o su grandi biografie di Re, Imperatori e gran signori, questo testo vede protagoniste sei famiglie bresciane. Famiglie molto importanti, ma comunque non così in alto nella gerarchia dell’epoca. Sono quelle figure che fanno il grosso del lavoro sporco, che giocando alla guerra rischiano tutto, perché legate a doppio filo con i loro possedimenti. Avogadro, Gambara, Oldofredi, Federici, Martinengo, Emili sono le casate oggetto del romanzo.


Scegliendo di non scadere nella logica dei buoni contro i cattivi, ha abbracciato una narrazione che non prevede protagonisti contro antagonisti, perché la vita reale e la storia non ne hanno, ma ha preferito adottare una caratterizzazione dei personaggi più contraddittoria che pura, tralasciando l’immagine del cavaliere senza macchia e dell’uomo votato ad una missione, per interpretare l’essere umano per ciò che è: un individuo guidato da una propria bussola morale, che però sa dimostrarsi incoerente se mosso da paura, opportunismo o incoscienza.


Nel libro si raccontano gli eventi seguendo una linea fedele al 90% con la storia realmente accaduta, intrecciando la vita delle sei famiglie tra di loro e inserendole nel contesto sociale della loro epoca. Spaziando tra guerre, politica, affari e relazioni personali, portando il lettore al seguito dei protagonisti rendendolo consapevole del raggio d’azione dei bresciani del tempo: presso duchi e pontefici, ai concili di Pisa e Costanza, fino alla corte imperiale a Norimberga; scivolando anche sulle motivazioni di fondo che hanno condotto i “Grandi” ad interessarsi della ricca e produttiva terra bresciana.


Il romanzo è ricco di usanze e aneddoti macabri, divertenti e particolari, che il lettore potrebbe credere frutto della fantasia, ma potrà verificare di sua mano che questi sono reali e l'autore se ne è semplicemente servito per colorire la narrazione e per fare un’analisi introspettiva delle personalità che popolano il racconto.

Come ogni testo con molti personaggi da presentare, il ritmo iniziale potrebbe sembrare lento, ma state tranquilli, quando gli eventi inizieranno e mettersi in moto, ne sarete travolti.


Inoltre è autore di questo sito che si occupa delle grandi famiglie bresciane La sua ricerca si concentra sullo studio genealogico e sulla storia della Franciacorta.: https://bresciagenealogia.wordpress.com/


©2020 by iseolakefranciacortanews